Natale Solidale 2022
La Dante nella chiesa di Santa Cristina

L’incontro, che amiamo definire Natale Solidale, segue un percorso già intrapreso da diversi anni, portato felicemente a compimento dal Comitato della Dante di Parma d’intesa con don Corrado della parrocchia Santa Cristina.
Dopo le difficoltà della pandemia, siamo davvero contenti di poter dare continuità al progetto dimostrando vicinanza ai parrocchiani di Santa Cristina, per noi luogo di riferimento da lungo tempo.
Grazie a queste premesse, ecco allora che il 16 dicembre la Dante si è riunita nella chiesa di Santa Cristina per festeggiare il Natale.
In quel contesto di grande impatto artistico, si respirava un’atmosfera speciale.
Una vera comunità, non solo culturale, si è ritrovata per offrire la propria vicinanza a coloro, che anche in questo periodo gioioso, versano in gravi difficoltà.

Così, dopo una breve presentazione dell’architettura e delle opere d’arte dell’edificio barocco, voluto dai Chierici Regolari Teatini di San Gaetano, diverse socie si sono alternate nella lettura di poesie natalizie di vari autori o composte da loro stesse.

Voglio riportare i versi del premio Nobel Josif Brodskij:
La stella di Natale
Nella fredda stagione, in luoghi avvezzi all’afa
più che al gelo, e a piatte distese più che ai monti,
nacque un bambino per salvare il mondo, in una grotta;
turbinava il vento, come può solo nel deserto d’inverno.

Enorme tutto gli sembrava; il seno della madre, le nari
del bue fumanti di vapore, i re Magi; quei doni
da Gaspare, Melchiorre e Baldassarre fin lì portati.
Il bimbo era un punto solamente. E un punto era la stella.

Con gran circospezione, senza neppure un battito
di ciglia, tra rade nubi, di lontano, dalla profondità
del Cosmo, giusto dall’altro estremo, la stella fissava
nella grotta il bimbo sulla greppia. Di un padre era lo sguardo
.

24 dicembre 1987

Un’altra socia, dalla splendida voce, e le amiche del gruppo musicale Santa Margherita di Piantonia hanno cantato e suonato brani intensi e inaspettati, cito soltanto La marcia dei Re di Bizet, il canto spiritual Nacque il suo bambino, i canti tradizionali scozzese Orna le sale e polacco Fieno fieno.

Non sono mancate le socie pasticciere che si sono prodotte nella preparazione di biscotti e mandorle caramellate veramente squisiti. Sono andati a ruba!!!

All’incontro ha partecipato anche il parroco, don Corrado, che è intervenuto con riflessioni sull’attualità e ha dato la benedizione ai presenti. Ha chiuso il pomeriggio il presidente Angelo Peticca ringraziando il parroco, il sagrestano e tutti i partecipanti per le offerte raccolte a favore dei più deboli e donando a nome della Società altri pacchi alimentari, visibili a lato dell’altare. Ha aggiunto, infine, ai suoi auguri quelli di Isa Guastalla, che avrebbe tanto voluto essere lì con noi.

Lori Carpi

 

ultimo aggiornamento della pagina: 20 dicembre 2022

 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *