Le origini romane di Parma
(183 a.C.)

Download PDF

Relatrice: Manuela Catarsi

Non è facile fare dell’archeologia: occorre competenza e determinazione. Lo sa bene Manuela Catarsi, archeologa, che ha svolto questa professione per lunghi anni nel nostro territorio.

Occorre abitudine al dettaglio per vedere quali segreti nascondono le pieghe del terreno e piccoli oggetti apparentemente insignificanti. C’è anche necessità di conoscere in modo approfondito il breve e il lungo periodo storico, soprattutto attraverso le fonti, per collocare ed attribuire significato ai singoli reperti. Sono queste le peculiarità con le quali Manuela Catarsi ha trattato per la “Dante” di Parma, lunedì 27 febbraio 2017, delle “origini romane di Parma”.

Ricorrendo ai i materiali provenienti da scavi recenti in città e nel suo circondario, ha ripercorso il processo della formazione di Parma, a partire dai villaggi sparsi di età preromana che documentano i forti legami con il mondo etrusco e altri ambiti culturali circostanti, fino alla fondazione della colonia romana, definitivamente collocata là dove la città si svilupperà nei secoli successivi.

Colonia romana nel 183 a.C., Parma sorgeva su un sito che all’attrattiva della disponibilità d’acqua e di terreno abitabile aggiungeva la posizione lungo antichissime vie commerciali che attraversavano la regione emiliana.

Parma una città nata più volte con momenti di sviluppo che nel tempo hanno avuto caratterizzazioni diverse, determinando vere e proprie soluzioni di continuità e nuovi ‘inizi’ della sua vicenda storica.

Percorsi intricati, spesso imprevedibili, che Manuela Catarsi con mirabile efficacia ha delineato mostrando fili e tracce che conducono al nostro presente.

aut. rec.

 

ultimo aggiornamento della pagina: 1° aprile 2017

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *